La blefaroplastica è forse l’unico intervento di chirurgia estetica che può influenzare significativamente l’espressione generale del viso, pur concentrandosi solo sugli occhi.

Vediamo come e perché.

Cos’è la blefaroplastica

La blefaroplastica è un intervento di chirurgia estetica che ha diversi scopi.

Consente di correggere i difetti delle palpebre ed eliminare borse e occhiaie, interviene sull’estetica per ringiovanire l’aspetto degli occhi, illuminando lo sguardo, aprendolo.

Ripristina o previene disturbi  funzionali della vista, elimina borse e occhiaie permanenti.

Per questo motivo il risultato di un intervento di blefaroplastica non si limita alla sola espressività degli occhi, ma si riflette sull’intera espressività del volto.

Tecnicamente la blefaroplastica consiste nella rimozione di una porzione delle palpebre superiori che, soprattutto con l’avanzare dell’età, tende a ricadere sull’occhio.

Dopo l’intervento lo sguardo risulta più giovane, luminoso, aperto.

Quando, invece, l’intervento viene eseguito sulla parte inferiore dell’occhio, quindi sulle borse, queste vengono rimosse, ovvero viene rimosso l’eccesso di grasso e pelle che le costituiscono.

In base alla zona interessata dall’intervento, la blefaroplastica è pertanto definita superiore o inferiore.

Blefaroplastica superiore: sguardo vivo e giovane

Gli occhi sono la prima zona del volto a subire, e a mostrare, i segni dell’invecchiamento.

E sono i primi a mostrare le emozioni, nonché a comunicare.

Se qualcosa non convince nell’espressione del viso quasi sicuramente quel qualcosa è imputabile allo sguardo, agli occhi.

Quando la palpebra cede verso il basso, ptosi, evento che si verifica solitamente con l’avanzare dell’età ma anche per ereditarietà o stile di vita scorretto, lo sguardo si spegne, gli occhi si rimpiccioliscono.

L’area libera, di fatto, si riduce impedendo anche l’applicazione del make up.

La blefaroplastica superiore permette l’asportazione della porzione di pelle e del grasso in eccesso, che ha ceduto verso le ciglia.

L’occhio risulta in questo modo libero e più aperto, vivace e giovane.

Il chirurgo esegue l’intervento con una lieve incisione ed i punti di sutura alla fine sono così piccoli che, una volta asportati dopo qualche giorno, la cicatrice è del tutto invisibile poiché posizionata nella piega palpebrale superiore.  

I tempi di recupero sono immediati.

Poichè l’intervento si esegue in day surgery si ritorna alle attività giornaliere senza segni visibili nell’arco di 7/10 giorni, quando anche il gonfiore post operatorio scompare del tutto.

Blefaroplastica inferiore: viso rilassato e riposato

L’intervento di blefaroplastica inferiore si esegue sulla parte inferiore degli occhi, per asportare o riposizionare le famose e tanto antiestetiche borse sotto gli occhi.

I motivi per cui si formano sono molteplici.

Sicuramente gioca un ruolo importante lo stile di vita generale, come la stanchezza giornaliera, l’esposizione agli agenti atmosferici, lo stress, l’alimentazione.

Fattori genetici e invecchiamento sono ulteriori fattori che causano la comparsa di questo antiestetico difetto degli occhi.

Oltre alle borse e alle occhiaie, un altro inestetismo che interessa la parte inferiore dell’occhio e su cui interviene la blefaroplastica è l’esposizione della sclera sotto l’iride, causata dal cedimento verso il basso della palpebra inferiore.

La blefaroplastica inferiore è un intervento un po’ più complesso rispetto all’intervento sulla palpebra superiore, tuttavia si esegue ugualmente in day surgery ed anestesia locale.

Durante l’intervento, eseguito con una piccola incisione, adipe, cute, muscoli vengono riposizionati o, se in eccesso, asportati.

La cicatrice a fine intervento sarà del tutto invisibile e la ripresa delle normali attività quotidiane avviene in tempi più lunghi, rispetto all’intervento di blefaroplastica superiore, ovvero nel giro di qualche settimana.

Una tecnica della blefaroplastica inferiore che non lascia affatto cicatrici esterne è la blefaroplastica transcongiuntivale.

È una tecnica che si esegue per asportare adipe ma senza rimodellare la cute per cui l’incisione chirurgica si esegue nella congiuntiva della palpebra inferiore.

L’intervento che trasforma senza modificare lo sguardo

Con gli occhi, e solo con essi talvolta, si può comunicare meglio che con le parole.

E gli occhi, purtroppo, sono i primi a mostrare i segni dell’età, dell’affaticamento o se qualcosa non va nel nostro organismo.

La blefaroplastica oggi, grazie a tecniche innovative ed in continua evoluzione, è l’intervento che ringiovanisce lo sguardo, lo rinfresca e lo illumina.

Senza dimenticare che con un intervento di blefaroplastica anche il campo visivo trova giovamento.

L’intero ovale del viso ne beneficia.

Il bravo chirurgo estetico deve saper valutare con obiettività la fattibilità dell’intervento, deve avere la sensibilità di capire e di prevedere quale sarà il risultato.

Il bravo chirurgo estetico deve saper vedere oltre l’intervento.