La liposuzione è l’aspirazione permanente del grasso sottocutaneo in eccesso.

In questo periodo di inattività forzata, a causa delle restrizioni da epidemia da COVID 19, molte persone si ritroveranno, alla fine dell’emergenza, con inestetismi marcati.

Fra questi il più grave, poiché resistente agli esercizi fisici casalinghi, può essere l’accumulo di adipe in particolari punti del corpo.

Non essendo un intervento semplice, cerchiamo di approfondire insieme cos’è, quando e perché ricorrere alla liposuzione.

Liposuzione: cos’è e come si esegue

La liposuzione si occupa del rimodellamento corporeo e non può essere considerato un modo facile e semplice per perdere peso.

L’intervento, infatti, si esegue in anestesia locale eseguendo una piccola incisione.

Successivamente, si inserisce una cannula, sotto la cute, collegata ad un particolare macchinario che aspira pezzi di tessuto adiposo frantumati da precisi movimenti del chirurgo.

Terminato l’intervento di aspirazione, di durata variabile in base all’estensione della zona da trattare, si procede al bendaggio della zona trattata al fine di favorire il rimodellamento della zona.

Solitamente, il paziente viene dimesso nella giornata stessa, ma in alcuni casi può essere necessario il ricovero per una notte.

Il recupero post operatorio è abbastanza rapido, basta seguire i consigli del chirurgo e mantenere una vita sana ed equilibrata, dall’alimentazione all’attività fisica.

Lividi, gonfiore e dolori scompaiono comunque in un paio di mesi.

Poiché, ribadiamo, si tratta di un intervento di rimodellamento del corpo e non di una tecnica di dimagrimento, è possibile riprendere i chili persi con la rimozione del grasso sottocutaneo se non si segue uno stile di vita corretto.

Preparazione

La preparazione inizia diversi mesi prima, a riprova del fatto che non si tratti di un intervento da sottovalutare.

Il chirurgo, visitando il paziente almeno un mese prima dell’intervento, non solo valuta la necessità o meno di eseguire tale intervento, ma cerca di capire se il paziente è in grado di sostenerlo, sia fisicamente che psicologicamente.

Il chirurgo valuta anche il grado di elasticità cutanea perché, in base a questo, sa cosa aspettarsi dall’intervento e ne discute insieme al paziente.

Fornisce consigli sia di preparazione che per il post operatorio, come per esempio eliminare l’uso della nicotina per qualche mese. Il fumo, infatti, interferisce con la fluidità sanguigna, inficiando inevitabilmente l’elasticità cutanea.

Il chirurgo suggerisce comportamenti da tenere prima e dopo l’intervento e discute degli eventuali rischi.

Aree trattabili

Il vantaggio del trattamento con liposuzione è che si va a trattare in modo mirato le zone interessate dalla problematica, asportando esattamente la giusta quantità di adipe per arrivare al risultato richiesto.

Le aree trattabili con la liposuzione, a fini estetici, sono diverse fra cui le più richieste:

  • glutei
  • addome,
  • braccia,
  • seno,
  • cosce,
  • polpacci.

Ma la liposuzione è una tecnica che viene utilizzata anche per fini medici, per intervenire, per esempio, nella rimozione di lipomi, ovvero tumori benigni.

Breve panoramica sulle differenti tecniche

Le tecniche di liposuzione vengono scelte in base a vari fattori, dal chirurgo, nella fase di pre intervento discutendone anche con il paziente.

La scelta viene effettuata in base alla zona da trattare ed alle condizioni del paziente.

Liposuzione tradizionale

La liposuzione tradizionale prevede l’inserimento di cannule di diametro compreso fra 2 e 5 mm, attraverso le quali, con movimento preciso, il chirurgo frammenta l’adipe che viene aspirato.

Liposuzione meccanica

La tecnica meccanica è meno precisa della tradizionale, poiché prevede l’uso di un manipolo vibrante alla sommità del quale vengono applicate le cannule di aspirazione.

Liposuzione ultrasonica

Nel caso della liposuzione ultrasonica, particolari cannule emettono ultrasuoni che rompono le cellule adipose, facilitandone l’aspirazione.

Liposuzione con radiofrequenza

La liposuzione può essere eseguita con cannule che trasmettono radiofrequenze, le quali sciolgono il grasso per mezzo di energia termica.

Liposuzione laser

Il laser, ormai diffuso in ambito medico ed estetico, consente una liposuzione estremamente precisa, maggiormente utilizzata per intervenire su piccole aree, ad esempio il collo. Le cannule emettono raggio laser che frantuma il tessuto adiposo.

Quando e perché effettuare la liposuzione

La liposuzione è indicata quando l’adipe in eccesso, accumulato in precise parti del corpo, persiste a diete, esercizi fisici mirati o altri tipi di interventi e specifici.

E’ indicata nei soggetti che godono di buona salute, hanno una forma fisica nella norma, ma presentano accumuli di adipe localizzato in particolari zone del corpo.

Il paziente ideale, infatti, non è troppo in là con gli anni perché la poca elasticità cutanea di un soggetto anziano non permetterebbe un risultato soddisfacente.

Il paziente in sovrappeso non è un candidato ideale perché, come già descritto, non si tratta di un intervento per togliere peso, ma solo il grasso persistente che non si riesce ad eliminare.

In caso di sovrappeso, infatti, prima di intervenire è consigliabile raggiungere il peso forma, per poi procedere al rimodellamento corporeo.

La liposuzione in breve

La liposuzione è un intervento sicuro e preciso che rimodella la silhouette del corpo, non è un’alternativa alla dieta per perdere peso o all’attività fisica.

È definitivo nel senso che il grasso presente viene eliminato per sempre, ma nulla vieta che se ne formi altro in mancanza di uno stile di vita sano, abbinato ad attività fisica ed alimentazione corretta. Nell’immediato il paziente avrà un calo ponderale, che non rappresenta, però, il fine ultimo dell’intervento.

La liposuzione è un intervento sicuro, non doloroso, che permette di riprendere le attività quotidiane normale nel giro di una settimana.

[Fonte: DossierSalute.com]