Blog

Sfida agli anni che passano

Dall’immagine si può vedere quanto la cute di questa donna, non più giovane, sia lassa. Man mano che l’età avanza, la cute diventa meno elastica e più lassa. Segno evidente del chrono-foto-aging, invecchiamento dovuto al tempo ed all’esposizione solare. Chiaramente è inevitabile, ma si può, iniziando sin dalla quarta decade di vita, a ridurre questi processi di invecchiamento. L’argomento è vasto e riguarda la BIORIVITALIZZAZIONE. Vi sono varie tecniche di biorivitalizzazione e per semplicità le dividerei in: iniettive, fili e strumentali.

Le prime sono sostanze liquide o semiliquide, sono più o meno dense e tramite la tecnica mesoterapica si inseriscono nei diversi strati cutanei in base alle caratteristiche del prodotto.
Una metodica nuova e molto di moda in questo momento è il PRP (Platelet Rich Plasma). E’ un auto trapianto di cellule staminali e fattori di crescita che aiutano a rigenerare e riparare i tessuti. Inizialmente l’utilizzo era solo in campo odontoiatrico, poi ortopedico ed infine in medicina estetica per le sue alte peculiarità di rigenerare i tessuti.
Tramite prelievo ematico di poche cc, si inietta solo la parte plasmatica (ricca di sostanze rigeneranti), dopo aver centrifugato la provetta. Fenomenale per ridare “luce” al volto e per la caduta dei capelli.

I FILI si inseriscono sotto cute e sono in grado di stimolare la produzione di sostanze, come acido ialuronico, fibroblasti, collagene, utili per creare sostegno e troficità alla cute.

Infine trattamento strumentale che può essere effettuato con i laser o macchinari vari.
I laser come il CO2, crea una esfoliazione dello strato più superficiale e stimola di conseguenza la riparazione e creazione di una epidermide nuova, più giovane, compatta e lucente ∞ Facial Rejuvinetion ∞
Ci sono anche altre tipi di laser che agiscono più in profondità, direttamente nello strato dermico.
Come macchinari utili per rendere più giovane la cute sono le radiofrequenze, ultrasuoni…
Di ultima generazione c’è l’ULTHERAPY, il quale riesce a dare un effetto lifting.
Il TOP sarebbe abbinare più metodiche di biorivitalizzazione per poter agire sui vari strati della cute e sulle varie componenti dermiche; al fine di ottenere risultati brillanti e duraturi.

vai all’articolo
2018-12-04T16:49:40+00:00agosto 13th, 2017|News|
WhatsApp WhatsApp